martedì 20 maggio 2014

Grammatica e fonetica - una bestia da domare GRAMMAR AND PHONETICS - A BEAST TO BE TAMED






Tutte le lingue sono straordinarie. Tutte le lingue hanno le loro sacrosante ragioni di dire una cosa in un modo anzicchè in un altro.


Quando insegno la lingua cinese le prime difficoltà serie s'affacciano alla prima lezione. Perchè si pronuncia così? Eh, sì, la difficoltà maggiore, almeno all'inizio, riguarda proprio la pronuncia.
La maggior parte dei corsi impone ritmi serrati e vette da raggiungere ad ogni costo. A prescindere dalla disponibilità e dall'apprendimento che varia a seconda degli studenti, trovo inspiegabile questo modo di procedere. E' come se tutte le lingue fossere uguali e, di conseguenza, anche la tenica per insegnarli.

Ogni lingua ha le proprie priorità. La lingua cinese parlata ha la priorità di far combaciare la parte iniziale della parola con la parte finale, dove la parola è sempre rigorosamente monosillabica nel senso che una sillaba è sempre una parola autonoma. Che cosa vuol dire far combaciare? Significa che ci deve essere armonia tra la parte iniziale (una consonante) e quella finale (una vocale o un gruppo vocalico).

Armonia, che bella parola. Fa scaturire immagini di pace e di serenità. Ecco il senso delle regole della fonetica cinese: mai andare contro l'armonia. Da qui è un attimo far capire agli alunni quali sono queste regole e come funzionano.

Translation by the author:
GRAMMAR AND PHONETICS - A BEAST TO BE TAMED
All languages ​​are extraordinary. All languages ​​have their sacrosanct reasons to say one thing in one way rather than in another.

When I teach the Chinese language the first serious difficulties looks down at the very first lesson. Why do you pronounce it this way? Oh yes, the biggest challenge, at least initially, concerns the pronunciation.

Most courses require fast pace and heights to be reached at all costs. Apart from the availability and learning capacities that vary depending on the students, I find inexplicable this way of proceeding. It looks like all languages are equal and, consequently, also the techniques to teach.

Each language has its own priorities. The Chinese spoken language has priority to match the initial part of the word with the final one, where the word is monosyllabic always strictly in the sense that a syllable is always a stand-alone word. What does it mean to match? It means that there must be harmony between the initial (consonant) and the final (a vowel or a vowel group).

Harmony, such a beautiful word. Brings forth images of peace and serenity. This is the meaning of the rules of Chinese phonetic: never go against the harmony. Starting from here explaining to the students what are these rules and how they work is a trifle.